Le funzioni strumentali al POF sono rappresentate da docenti di riferimento per aree specifiche di intervento considerate strategiche per la vita dell’istituto; i docenti incaricati sono funzionali al POF, sono cioè risorse per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, e, per la propria area di intervento, svolgono attività di coordinamento, gestione e sviluppo. La normativa di riferimento è rappresentata dal CCNL 2002-05.

  

Art.30 CCNL 2002-05

(legittimazione delle funzioni strumentali)

  

FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

Per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, la risorsa fondamentale è costituita dal patrimonio professionale dei docenti, da valorizzare per la realizzazione e la gestione del piano dell'offerta formativa dell'istituto e per la realizzazione di progetti formativi d'intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola.

  

segue art. 30

   

Le funzioni strumentali sono Identificate con delibera del collegio dei Docenti in coerenza con il piano dell'offerta formativa che, contestualmente ne definisce criteri di attribuzione numero e destinatari. Le stesse non possono comportare esoneri totali dall'insegnamento e i relativi compensi sono definiti dalla contrattazione d'istituto.

   

  

AREA GESTIONALE – PROGETTI P.T.O.F.

Compiti e funzioni

  • elaborazione e aggiornamento del Piano Triennale dell’Offerta Formativa
  • elaborazione del Piano dell’Offerta Formativa (annuale)
  • coordinamento delle attività di progettazione e programmazione dei docenti in un clima di attiva collaborazione
  • monitoraggio e valutazione dei Progetti di Istituto
  • eventuale frequenza di Corsi di Formazione specifici
  • Contatti e rapporti con le Istituzioni Territoriali
AREA DIGITALE

Compiti e funzioni

  • sviluppo di attività didattiche e formative connesse con l’utilizzo sistematico delle tecnologie sia a livello individuale sia a livello laboratoriale, con potenziamento della strumentazione di
  • proprietà dell’Istituto nell’ambito di Piani di sviluppo e l’utilizzo sistematico di quanto di proprietà degli utenti
  • formazione continua e costante sull’innovazione tecnologica applicabile alla didattica, alla comunicazione ai processi amministrativi
  • miglioramento del sistema della rete informatica, interna, con il passaggio graduale a sistemi di gestione open source
  • miglioramento del sito web dell’istituto
  • revisione e manutenzione del laboratorio, delle lim, delle piattaforme, dei computer nelle classi
  • supporto ai docenti e agli alunni per le attività didattiche di informatica
  • attività di formazione e supporto ai docenti
AREA QUALITÀ – INNOVAZIONE – AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE

Compiti e funzioni

  • inserimento di attività in cui vengano valorizzati gli apprendimenti espliciti e impliciti, con ricaduta sulla valutazione formativa
  • redazione dei curricoli verticale e coordinamento di attività tra gli ordini di scuola
  • consolidamento di un sistema di valutazione degli alunni interno, con individuazioni di standard e traguardi di competenze
  • attività di autovalutazione della scuola, con il coinvolgimento degli organi collegiali e delle figure di sistema per continue azioni di miglioramento, sulla base di Piano di Miglioramento
  • possibilità di convocare apposite commissioni e sottocommissioni
  • monitoraggio e valutazione degli obiettivi formativi stabiliti a livello d’interclasse, di classi parallele, d’intersezione, di dipartimenti disciplinari
  • monitoraggio, analisi e valutazione dei processi organizzativi
  • proposta di procedure e strumenti per la gestione razionale ed efficace dei processi ritenuti più urgenti, a sostegno del lavoro dei docenti, ivi compreso il completamento della costruzione del curricolo di istituto
  • collaborazione con le altre funzioni strumentali
  • eventuale frequenza di Corsi di Formazione specifici
  • promozione di attività formative secondo quanto previsto dal P.T.O.F. e proposto dalla Rete di scopo dell’ambito
  • redazione monitoraggio del Piano di Formazione di Istituto
  • eventuale frequenza di Corsi di Formazione specifici
AREA INCLUSIONE - Disagio - DVA

Compiti e funzioni

  • potenziamento e personalizzazione delle attività di inclusione
  • collaborazione con la Segreteria per l’inserimento dei dati relativi alle disabilità
  • coordinamento degli insegnanti di sostegno
  • supporto ai docenti per la predisposizione di attività e progetti
  • coordinamento con il servizio di neuropsichiatria dell’ASL e con il Servizio per l’integrazione sociale dei Minori dell’Ente Locale
  • predisposizione e monitoraggio degli interventi di sostegno
  • anagrafe alunni DVA
  • redazione e aggiornamento del Piano Annuale Inclusione
  • collaborazione con le altre funzioni strumentali
  • eventuale frequenza di Corsi di Formazione specifici
AREA INCLUSIONE - DSA - BES

Compiti e funzioni

  • potenziamento e personalizzazione delle attività di inclusione
  • il coordinamento di apposta commissione e sottocommissioni per collaborare alla messa a punto dei saperi condivisi fra scuola e servizi socio-educativi
  • l’attivazione delle procedure di rilevazione delle situazioni di disagio cognitivo, relazionale e socio-culturale, con particolare riguardo a casi di alunni stranieri e nomadi
  • promozione della didattica laboratoriale e coordinamento di proposte di progetti specifici su alunni/gruppi di alunni in situazione di disagio cognitivo, relazionale e socio-culturale in collaborazione con gli insegnanti coinvolti
  • collaborazione con le altre funzioni strumentali e i referenti DSA/BES
  • eventuale frequenza di Corsi di Formazione specifici
  • redazione e aggiornamento del Piano Annuale Inclusione
  • contatti e rapporti con le Istituzioni sul tema del Benessere e del Disagio

 

L'assegnazione delle funzioni strumentali alle rispettive aree e la designazione degli incarichi è stata approvata dal Collegio dei Docenti in seguito a richieste individuali e volontarie del personale docente.

Torna all'inizio del contenuto